venerdì 15 marzo 2019

idea riciclosa papà: il quadretto TVB

E' un periodo che non riesco a scrivere come vorrei sul blog, non perchè non abbia ispirazione, ma... tra un bimbo malato a casa, il lavoro, la casa... non ho proprio il tempo fisico per poterlo fare...
Però non posso rinunciare a creare il mio "quadretto" in vista della festa del Papà... una piccola idea riciclosa pronta da scaricare gratuitamente e stampare!

Può essere incorniciata e regalata oppure semplicemente usata come biglietto per accompagnare un tradizionale regalo... spero vi piaccia!


Si tratta di un messaggio semplice che potrebbe sembrare banale...
ma, secondo me, non basta mai dirsi che ci si vuole bene!


Altre idee riciclose per la festa del Papà:



venerdì 8 marzo 2019

Bis-Donna

Oggi è l'8 marzo, giorno dedicato alla Donna.
Per celebrarlo, ho deciso di ricordare una figura molto importante nella mia famiglia, una Donna appunto, la mia Bis-Nonna.

Ho avuto l'onore e il piacere di conoscere la mia Nonna-Bis non perchè nella mia famiglia ci siano poche differenze di anni tra una generazione e l'altra, ma perchè Lei ha avuto una vita particolarmente longeva, lasciandoci quando io aveva circa 13 anni e lei quasi 103.
Clementina, come molti trecatesi, ha avuto questo nome in onore di S. Clemente, patrono della sua città natale. Nata il 3 settembre 1891, ultima di sei fratelli, ha iniziato a lavorare a 12 anni in una famosa azienda manifatturiera della zona, la "Rossari e Varzi". Rimasta vedova molto presto nel dopoguerra, come molte donne della sua epoca, ha dovuto crescere una figlia da sola. Non ha mai voluto risposarsi, anche se i pretendenti non mancavano, in quanto pensava che, se un domani avesse avuto altri figli con il nuovo marito, la sua primogenita sarebbe stata accantonata e non avrebbe ricevuto lo stesso affetto.
Appassionata di operette, ha anche recitato in una piccola compagnia... e a 100 anni ricordava ancora le sue battute, le poesie e un sacco di brani a memoria. Ha sempre letto tantissimo, lavorato all'uncinetto e sgranato rosari con una fortissima fede in Dio, pregando in latino, che per me era ostrogoto.
Fino a quasi 90 anni ha abitato da sola in una casa di corte con il bagno all'esterno, poco riscaldamento (forse aveva un camino...) e pochissimi mobili e oggetti all'interno dell'unica grande stanza che mi ricordo. Diventando sempre più anziana, di malavoglia, è venuta ad abitare insieme alla figlia, a fianco alla mia casa d'infanzia.
La ricordo sempre vestita di nero, o quasi, con il suo inseparabile "scusà" (grembiule) con una o due tasche nelle quali c'era dentro di tutto, come la borsa di Mary Poppins: non mancava mai un paio di "furzoti" (forbici), un fazzoletto, caramelle, un "strop" (una cordicella/nastro), uno "scartuscic" (un pezzo di carta) che avvolgeva qualcosa... a volte aveva anche ago&filo perchè, se doveva fare qualche cosa, doveva aver tutto alla portata di mano (o di tasca).
Ha sempre camminato chilometri e chilometri perchè, all'epoca, non aveva nemmeno la bicicletta. Anche quando sua figlia, da bambina, fu ricoverata qualche giorno in ospedale per togliere le tonsille Lei si è recata a trovarla una volta, terminato il lavoro la sera, percorrendo a piedi Trecate/Novara (circa 10 Km andata + 10 di ritorno), per riuscire a vederla pochi minuti nell'orario di visita concesso ai parenti e poi ritornare a casa, sempre a piedi.
Mondina nei campi di riso per arrontondare, ha sempre avuto la passione di pescare le rane e poi friggerle in pastella. Ricordo ancora quando una volta è scappata da casa, approfittando del cancello aperto, per andare in campagna a farsi un bottino di rane saltellanti in un secchio...
E' sempre stata bene di salute, a parte una paresi, dalla quale si è ripresa, non ha mai avuto malattie gravi... forse grazie anche a tutti gli intrugli con le erbe e i decotti fai-da-te che beveva.
Ha cominciato il suo lento declino quando la vista è venuta meno.
La radio, l'audio della televisione e la preghiera, sono state le sue compagne negli ultimissimi anni, fino a che ha cominciato a non riconoscere più nessuno.

La ricordo affacciata al balcone a controllare tutti i movimenti che avvenivano in cortile, compresi io e mia sorella che giocavamo, a gridare "scandalo" quando mia sorella ballava il can-can alzando le gambe tipo Hater Parisi e la gonna, e ancora sulla sua poltrona con il "scialic" (lo scialle fatto a mano da lei) sulle spalle, poltrona poi divenuta della Nonna ed ora sostituita da un divanetto di mia Mamma.
Quella casa ha visto cinque generazioni ma, da allora ad oggi, tutto e niente è cambiato per le Donne.
Di sicuro è rimasta immutata la forza che hanno sempre avuto e che sempre avranno, per affrontare il bello e il brutto che gli riserva la vita, con o senza mimosa.

foto scattata per il giornale locale in occasione del 100esimo compleanno della mia Nonna Bis





mercoledì 27 febbraio 2019

già, 3 anni...

Con il tuo arrivo tutto è cambiato, alcune volte in meglio, altre in peggio.
Ma nulla, dico nulla, sarebbe concepibile, ora, senza di te.

Tu, con i tuoi tre anni, quello sguardo furbo, quel tuo sorrisetto beffardo e ruffuano, quella tua vivavicità e il non stare mai fermo...
Con te la pazienza non basta e, spesso, anche io mi arrendo, crollo al tuo volere... perchè due teste dure che continuano a scontrarsi o si spaccano entrambe o vanno avanti in eterno.

Tu, con la tua mania di toglierti in ogni stagione le calze, camminare scalzo e tirare su i pantaloni fino al ginocchio... anche in inverno.
O quella di provare ogni calzatura alla portata di mano, dai miei stivali alle ciabatte del papà, alla scarpe di tuo fratello...

Tu, che hai imparato a battere le mani a tempo, che balli su ogni musica, che conosci le canzoncine e mimi le mosse.

Tu, goloso di cose dolci... non puoi resistere alla tentazione dell' "acciolo"(ghiacciolo, anche questo in tutte le stagioni), del tuo amato "VUOVO", ovviamente non quello della gallina, ma quello firmato Kinder, delle "alamelle" (di ogni fattura, colore, gusto, dure o gelè) e del "chupa-chupa" che granocchi come se non ci fosse un domani dal dentista.

Tu, che hai inventato il WAO... un mostro da cui scappare (correndo e gridando a squarcigola per la casa), una volta era l'attaccapanni... poi pare si sia trasferito nel wc, tanto che controlli in ogni bagno ammonendomi se la tavoletta è alzata con "Mamma chiudi water"... manco uscisse da lì una tromba d'acqua che ci risucchia.

Tu che vuoi vedere "MEMO" (Nemo), "Paccatutto" (Spaccatutto), "Attissimo Me" (Cattivissimo Me) e... Herry Potte (senza erre finale) perchè c'è il "Ciente" (Silente) che assomiglia a Babbo (Natale)...

Tu che ad una domanda rispondi "Cetto, Mamma" e poi fai quello che vuoi, quasi sempre. E quando ne fai una delle tue chiedi "Cussa Mamma".

Tu, che il più delle volte mi repingi con un rifrancante "NO, tu NO!" e richiedi espressamente il papà.
Tu, con i tuoi calci (quelli arrivano sempre con le scarpe, chissà perchè), le botte gratuite con tuo fratello, le dita chiuse nella porta, le tue testate, le tue cadute e voli pindarici... sempre e solo di testa...
Tu e il pericolo, questo illustre sconosciuto...

Tu, che non vuoi bene a nessuno (a detta tua), ma ci abbracci all'improvviso e mandi baci con il ciuccio in bocca, e non ti separi mai dal cuscino vuncio, che ti porti ovunque... e che mi tocca lavare di nascosto.

Tu, che imiti tuo fratello, con lo zaino in spalla per andare a "cuola"... che lo trascini nei tuoi giochi spericolati e lo chiami con la manina "eni Samu, eni!"
Tu che chiami "Pa-pà-A?" appena varca la soglia.

Tu che non hai paura di niente, ma dici di avere freddo o mal di pancia solo per poter ricevere una coccola in più, visto che sai che io, invece di darti una felpa, di offro il calore di un abbraccio...

Tu, con quelle tue guaciotte da schiacciare e le coscette da mordere, che soffri il solletico in ogni punto e che ridi anche mentre dormi...

Tu, che ti assopisci la notte sulla mia schiena, come uno zainetto... spero di poterti accompagnare verso un lungo viaggio e farti scoprire il mondo, buttandosi, sì, ma non fisicamente di testa come fai tu, ma nelle situazioni, nelle occasioni, salire su quei treni che passano una sola volta... senza avere paura di esprimersi, di dire la propria opinione, di sbagliare e di riprovare ancora.

Ti voglio bene ciccino mio,
La tua Mamma.


foto da web





venerdì 22 febbraio 2019

idea riciclosa carnevale: gnomo & unicorno

Ecco un ultimo spunto prima del Carnevale... questa volta ho pensato allo stile Fantasy: gnomo & unicorno (quest'ultimo va tanto di moda tra le bambine!)



Partiamo dallo gnomo o elfo che dir si voglia...
Visto così potrebbe non capirsi nulla, il riciclo sta nell'utilizzare i sacchi di plastica colorati per creare la casacca e il decoro seghettato attorno al collo.
Niente cuciture, quindi! Guardate questa foto di Pinterest...


La barba è ozionale, e potrebbe essere fatta anche con un pezzo di feltro bianco + elastico, oppure riciclando una barba di Babbo Natale!


Osservate come delle semplici maglie colorate
posso trasformarsi nella divisa dei sette nani!



Anche l'unicorno è di facile realizzazione: 
Se non riuscite a ricreare un cerchietto con orecchie e unicorno in cartone, potrete scaricare una maschera qui e colorarla con i vostri colori preferiti!
Opzionali anche le ali, che si posso realizzare o in cartone oppure con fil di ferro e calza colorata.
Coda con o senza gonnellino, il tutù arcobaleno è possibile crearlo con la tecnica dei nodi su una fettuccia elasticizzata, una striscia per ogni colore dell'arcobaleno e il gioco è fatto! Per la coda basta legare 4 colori differenti alla fettuccia (facendoli cascare sulla parte porteriore) e legarla poi in vita.
Ecco alcuni esempi trovati su Pinterest al quale ci si può ispirare.

 
 

Basta digitare "Unicorno costume" e vi si aprirà un mondo!!!



Altre idee riciclose di Carnevale? Leggi qui!!!!




E voi da cosa vi travistirete?





venerdì 15 febbraio 2019

idea riciclosa carnevale: mary poppins

A gennaio io e Tatino ci siamo goduti la nuova versione di "Mary Poppins" al cinema, per cui, ispirata dal film, ecco qualche spunto per due costumi di carnevale tratti dalla storia della famosa bambinaia.


Per lui ho pensato allo spazzacamino Bart, quello del vecchio film... e per lei, ovvio, Mary Poppins.

Come ho ricordato nello scorso post, non serve essere rigidi nei costumi... l'importante è lasciarsi guidare dai colori e dallo stile.
C'è chi aggiunge una sciarpa, chi mette i guanti, chi è senza borsa oppure ombrello... poco importa!

Ecco alcuni esempi tratti da Pinterest, non ce n'è uno uguale all'altro ma si capisce perfettamente di che personaggio si tratta!


 

 

Altre idee riciclose di Carnevale? Leggi qui!!!!




giovedì 14 febbraio 2019

Abbi cura di me, di noi

Non sono riuscita a sentirla in diretta questa canzone perchè, stanca, sul divano, sono crollata nel sonno inghittita tra i cuscini, credo di aver avuto anche la bocca aperta, in apnea da raffreddore... non un bello spettacolo, insomma, guardarmi sfatta la sera.
Poi, qualche giorno fa, ho voluto ascoltarla e mi sono commossa... come una scema mi sono messa a piangere, da sola, davanti ad uno schermo del computer mentre lavoravo...
Tu ho pensato e ho capito che non ci sarebbe stato testo scritto meglio messo in musica per dedicarterlo a San Valentino...

Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrò paura di cadere
Che siamo in equilibrio
Sulla parola insieme
Abbi cura di me

E' un po' quello che facciamo io e te... io ho sempre paura di cadere e tu sei la mano che mi tiene in equilibrio sul nostro cammino.

Troppo spesso il lavoro, gli impegni, la routine, le cose da fare cambiano di posto nella scala delle vere priorità, altre volte è la stanchezza e il poco tempo che ci sfugge via, con cui ci lasciamo sopraffarre e che ci fa perdere il senso della parola insieme.
Ricordo il nostro primo San Valentino, a mangiare cinese da asporto in una "casotta" in campagna con una coppia di amici. Non ricordo se facesse freddo, se il cibo fosse buono, io ero con te e non mi interessava nient'altro... esattamente come adesso... perchè a noi basta poco, per stare bene insieme, bastiamo noi, la felicità è tutta racchiusa lì.
Ad oggi, molte di quelle coppie di allora non ci sono più... neanche quella della "casotta" che io pensavo potesse resistere nel tempo. 

E noi siamo ancor qua, all'insieme io&te si sono uniti altri due esserini... e tutto il meccanismo è diventato più complesso, è faticoso riuscire ad incastrare tutti gli ingranaggi, ma è tutto più armonioso e completo allo stesso tempo.

Ma fino all'ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte
E non lasciarmi andare

Perchè ho bisogno di te,
che mi sostieni, che mi sopporti, che mi insegni, che mi incoraggi, che mi dici dove sbaglio e non mi accorgo, che mi fai ragionare, che mi fai arrabbiare, che mi fai essere me insieme a te.

Ricordarsi che ci amiamo è un regalo che ci dovremmo fare ogni giorno, non solo il 14 febbraio, non solo tra innamorati...
Buon San Valentino, dolce mon amour!




lunedì 11 febbraio 2019

come nasce un progetto: il poster Famiglia

Vi ricordate il premio che avevo assegnato per il mio compleblog nel lontano settembre 2018?
Betta è stata premiata ad ottobre con il suo poster personalizzato, dedicato al suo blog e alla creatività...
E le altre? Ebbene, non mi sono dimenticata delle vincitrici, anzi, in questo inizio anno ho lavorato intensamente... ed ho pensato anche a loro!
Ora che ho concluso il poster di Giulia posso finalmente condividerlo qui!

 
Si tratta di un poster che racchiude tutta la Famiglia di Giulia, l'idea è nata dal fatto che, come lo avevo presentato all'origine, potesse essere collegato alla nascita di bambini... ma non solo! Perchè non associarlo allo sbocciare di un evento, un anniversario e, perchè no, all'allargarsi di una Famiglia appena trasferita in una casa nuova? Quale modo migliore per celebrare a ricordare tutto questo se non con un poster da appendere all'ingresso?
Per cominciare: una scritta di benvenuto dedicata a tutti gli ospiti, con una piccola montagna stilizzata sulla destra (elemento importante visto la loro collocazione geografica e la loro passione per essa), sulla sinistra un collage eseguito dal bimbo più grande di Giulia (dove viene rappresentata la casa nuova) insieme alla data del traferimento ufficiale nell'abitazione nuova. Un vadevecum delle "regole della casa", assolutamente personalizzate, uniche e scritte di pugno da Giulia e dai suoi Familiari!
Poi, tornando in alto, un messaggio che Giulia desidererebbe comunicare a tutti coloro che varcano la soglia: le scarpe aspettano fuori, o comunque, all'inizio della scala... vero Giulia? :D
Ed infine la prentazione di tutti i componenti della famiglia con Nome, anno di nascita e silhouette colorata color arcobaleno (ogni sfumatura è stata scelta dal legittimo proprietatio della sagoma!).
Tutto questo è: 100% Famiglia!

Mi sono divertita molto a comporre questo poster perchè ne è uscito un lavoro fantasioso e stimolante, a dimostrazione che un semplice A4 può essere una soluzione davvero versatile!

Anche il poster di Marta ha preso forma, ma lo svelerò tra qualche mese per non rovinare la sorpresa a chi sarà destinato! Curiosi eh...?

Desideri ricevere anche tu un poster su misura per te, o vorresti regalarlo per qualche ricorrenza (nascita, matrimonio, compleanno, anniversario, inaugurazione o... qualsiasi altro evento)?
Partendo dalle basi create fino ad ora possiamo trasformarlo e personalizzarlo come preferisci.
Contattami per un preventivo gratuito!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...