venerdì 10 maggio 2019

idea riciclosa mamma: tag e anello origami

Ricordo ancora oggi il primo regalo della festa della Mamma che ho ricevuto dal mio bimbo quando andava all'asilo nido... avevo una grande aspettativa, forse perchè era la mia prima vera festa da Mamma, e mi sono ritrovata nelle mani una cosa impresentabile... era un cerchio ritagliato nel cartone marrone con delle mollette dei panni arancioni attaccate attorno... doveva essere un simil-tentativo di fiore (o così almeno l'ho interpretato io...) ma ricordo che non c'era scritto nessun nome, non c'era un cuore, un messaggio con "ti voglio bene"... sembrava più un invito ad andare a stendere i panni... :(
Ora, il mio bimbo di allora 3 anni non sapeva ritagliare, forse ha attaccato le mollette ma, Maestre, vi prego, piuttosto di uno scempio, accoglieteci con un "Auguri Mamma!".
Con il passare degli anni (e con un altro asilo nido), i lavoretti sono moooolto migliorati... sia in termini di collaborazioni con i bambini, sia come risultato finale.

Ma le Mamme non sono solo quelle dei bambini piccoli, sono anche le Nonne, le Zie... per questo ho pensato di regalare una tag molto semplice ed essenziale ma con un messaggio profondo: ti voglio bene, perchè sentirselo dire una volta in più non fa mai male!




C'è la versione in positivo, negativo e una in bianco e nero da colorare e personalizzare con il colore del vostro cuore.
Basta scaricare il file e stamparlo in modo che occupi per intero un foglio A4.
E il regaolo vero e proprio? Ho trovato questo tutorial spettacolare dove, passo-passo, potrete costruire un anello origami regolabile con un dolcissimo cuore, il cuore di Mamma! (per i più piccoli serve l'aiuto del Papà!)
Il foglio quadrato per realizzarlo è tipo quello dei memo 8,8 x8,8 cm circa, se il foglio è bicolore (bianco da una parte e colorato dall'altra) otterrete un bel cuore in contrasto cromatico davvero d'effetto!
Che ne dite?



...e... Auguri a tutte le Mamme!

 altre idee le trovatenei link qui di seguito:

mercoledì 8 maggio 2019

il regalo più bello

Qualche tempo fa ho letto il post di una amica blogger, Irene di Dadirri, e partecipando anche io a compleanni di bambini, non ho potuto fare a meno di fare questa riflessione.
Irene raccontava la nuova moda di festeggiare i bambini con enormi e dispendiose feste di compleanno che includono animazione, giochi vari e... regali.
Io, assolutamente d'accordo con ciò che spiega qui, mi sono soffermata su questo ultimo aspetto: il dono.
Ma sono davvero indispensabili così tanti regali, giochi (anche costosi) nelle mani di un bimbo/bimba nella fascia d'età compresa tra 0-10 anni?
Ma dove li mettono tutti questi giochi? Per quanto tempo davvero li utilizzano?
Francamente credo che sommergere di pacchetti un bambino/bambina non sia la cosa più "sana" del mondo. Non per invidia ma, un bambino invitato (che magari non ha la possibilità di festeggiare così) si sente sminuito (perchè lui sì e io no?)... il valore dei giochi mette in difficoltà anche il genitore, che non si trova più a dover "fare un pensierino" ma ad essere all'altezza degli altri pacchetti, per non fare brutta figura.
E il bambino che li riceve? E' davvero felice di avere cose materiali al posto di un momento intimo in famiglia dove riceve la dimostrazione d'affetto dei genitori, dei fratelli, dei nonni...? Dove siano coinvolti solo la cerchia più stretta in un'avventura tutta loro (una mini gita, il cinema, una pizza...). Non si parla di escludere gli altri, ma di sviluppare per primo quello che sarà la base di un bambino: le fondamenta della famiglia. Poi, quando sarà più grande, avrà il tempo e il modo di dedicarsi anche con più maturità all'amicizia, agli affetti...
Noi tutti siamo cresciuti così, del resto... per chi è nato come me in inverno, ce la sognavamo la festa... ma non è mai morto nessuno e, anzi, io non ho mai recriminato nulla ai miei genitori... così era e così andava bene.
Cosa porta a casa da questo evento, oggi, un bambino?
Chiedo ----> e mi viene regalato, senza alcun minimo sforzo.
Che, diciamolo chiaramente, nella vita adulta che lo attende non sarà mai così.
Ma non è forse più bello guadagnarselo con il sudore ciò che si desidera, invece che venerne sommersi così, a balle? (...passatemi il termine).
Sarò antica io, non lo so, ma certe cose davvero non le concepisco.
E non per questo mi adeguo alla massa, perchè l'altra tendenza di oggi è: tutti vedono, tutti si lamentano (tra loro) ma quando è ora di parlare (e tirare fuori le palle), magicamente, va bene così a TUTTI. E si va avanti, ancora. Senza cambiare nulla, come prima, come se non fosse successo nulla.
Che va anche bene celebrare e festeggiare, ma c'è modo e modo... puoi trovarti al parchetto e offrire un gelato, una merenda... senza traformarsi per forza in un apericena-after-our che non finisce più... puoi invitare a casa tua 3/4 amichetti a giocare e magari cenare insieme senza che unisca la loro famiglia fino al terzo grado di parentela... si può condividere anche poco ma con la gioia di stare insieme... si può organizzare una caccia al tesoro tra le stanze di casa o nel giardino (o parchetto o sala dell'oratorio...), si possono fare dei giochi di società, di abilità, creativi... si possono fare le decorazioni a tema con una semplice stampante e un po' di fantasia... si possono fare torte fatte in casa, magari senza sculture avvenieristiche di zucchero, bruttine anche da vedere ma buone sotto i denti...
(Piccola parentesi: vedete mai un libro tra i regali? NO, pare non li stampino più)
Le alternative ci sono, basta metterle in pratica, e io penso che i bambini di oggi, quando poi cresceranno, comprenderanno il valore delle cose in base a quanto ne hanno e ne hanno avute. Chi non ha nulla, troverà, il poco che ha, prezioso. Chi ha tutto, non capirà il valore delle cose... le sciuperà, le ignorerà, probabilmente ne vorrà ancora delle altre... senza mai trovare ciò che lo rende felice, appagato.
A me non lo hanno insegnato con parole dirette... ma, per esempio, io cerco di non spaccare troppo la carta quando scarto un pacchetto (anche se poi la butto), quando apro una busta che potrebbe essere riutilizzata... forse è una mia mania del riciclo, ma anche rompere senza pietà un dono non mi sembra proprio una forma educata...
Il tutto poi si traduce in una scala di prepotenza, chi ha ottenuto di più si sente migliore e superiore di altri...
"Adesso ho "superato" io Tizio", così ho sentito uscire dalla bocca di una personcina, giuro.
E io, che non so mordermi la lingua, ho incalzato dicendo "Ma non è una gara!".

...pensateci quando fate le feste ai vostri figli
...pensate quando gli fate un regalo e quando acquistate per altri bambini
...perchè questi piccoli che oggi festeggiano così saranno gli adulti di domani
...forse è il caso di fare loro un "presente", cioè dimostrare loro la nostra presenza, non solo quando compiono gli anni.


foto da web




martedì 23 aprile 2019

2006-2019

Devo ammettere che ho fatto il calcolo con la calcolatrice... gli anni che mi sopporti cominciano ad essere tanti... son già 13 da sposati e 19 da quando siamo insieme!!!
Ho tanti ricordi che rimangono nel cuore e altri ancora si devono ancora "formare"...
Ti dedico questa musica, che so che apprezzerai: vuoi ballare con me?


Perchè una delle passioni che ci lega è la musica, tu mi hai fatto conoscere un sacco di musicisti... quelli che le note le sentono dentro come un linguaggio, c'è chi stende uno spartito e suona di notte perdendo la cognizione del tempo, chi saltella sullo sgabello, chi non riesce a stare fermo, tamburellano con le dita anche su un tavolo mentre si sta mangiando, chi insegna il vero valore della musica ai giovani, chi a volte scoviamo in TV o che sta facendo qualcosa di straordinario su un blog... ognuno di loro ha scritto un pezzetto di noi, anche su quel piano, il nostro primo "grande" acquisto...
E ora la tastiera la usano più i nostri bimbi... che si divertono a schiacchiare i tasti, componendo "a modo loro"... lo avresti mai immaginato 19 anni fa?
Forse no... ma spero che cose semplici come questa possano riempire le nostre giornate per altri 1.000 anni!

Buon Anniversario!

sabato 20 aprile 2019

idea riciclosa Pasqua: i pulcini sorpresa

Anche questa settimana sono in ritardissimo su tutta la linea....
Il piccolo di casa si è beccato delle potenti placche in gola che lo hanno messo a tappeto lasciandolo a casa in balia delle mie cure da venerdì scorso... il Grande ha terminato la scuola con un giorno di anticipo perchè avevamo in programma un controllo medico... il lavoro è tutto urgente, sulla casa stendo un velo pietoso... e poi i pensieri da preparare per Pasqua, compleanni, comunioni... insomma, non ho mai tempo di scrivere due righe!
Mettici anche che, in due minuti che marito era a casa, impagino le schede per questo post ma il programma si chiude inaspettatamente, senza salvare nulla... mannaggia! :(
Sembrava fosse destino non scrivere questo post, ma io ho la testa dura, durissima, e ho voluto realizzare a tutti i costi questi pulcini segnaposto e li pubblico in extremis... tanto sono davvero veloci e facili da fare, anche ll'ultimo secondo!


Vi spiego in poche parole come realizzarli, anche in versione Gallo e Gallina.


Inultile dire che l'ispazione viene da Pinterest, ma io ho rielaborato il tutto con i materiali di riciclo che avevo a casa...

Vi piacciono?
Saranno i nostri segnaposti sulla tavola di Pasqua!


venerdì 12 aprile 2019

idea riciclosa in cucina: la torta trenino

In occasione del terzo compleanno del mio piccolo, ho deciso di cimentarmi in una torta nuova e trasformarla in due cose che adora: un treno e Masha&Orso.
La ricetta in sè non è difficile e, anche con l'assemblaggio, devo dire che me la sono cavata... ecco la foto finale!


  Ingredienti
  • 5 uova
  • 50 gr di fecola di patate o farina
  • 70 ml di olio di semi di girasole
  • 70 gr di zucchero semolato
  • un pizzico di sale 
  • per farcitura: 200 ml di panna con nutella q.b. oppure marmellata
Per decorare:
- biscotti tipo "ringo"
- biscotti tipo "oro saiwa"
- cioccolato al latte
- zuccherini colorati
- spumini di cioccolato

Procedimento
Separare gli albumi dai tuorli. Montare i bianchi d'uovo a neve con un pizzico di sale. Aggiungere lo zucchero, poco alla volta, mescolando a mano con frusta oppure con lo sbattitore elettrico ma a bassa velocità.
Incorporare i tuorli, unire la fecola (o la farina) e l'olio a filo.

Stendere l'impasto ottenuto su una carta da forno disposta in una teglia.
Cuocere in forno pre-riscaldato a 180° per 12/15 minuti.
Sfornare, lasciare intiepidire, arrotolare il foglio su se stesso per fagli prendere la forma. Una volta raffreddato, farcire a piacere con uno strato di marmellata e uno di panna oppure con panna+nutella... a voi la scelta!

Con l'aiuto della carta da forno su cui poggia, arrotolare di nuovo la pasta su se stessa formando un unico rotolo. Far riposare in frigo per 30 minuti.

Per decorare
Tagliare in tre parti il rotolo: questi saranno i tre vagoni.
Sciogliere nel mocroonde qualche quadrato di cioccolato al latte e utilizzarlo per fissare le ruote (ringo) e il tettuccio (oro saiwa). Aggiungere gli spumini e degli zuccherini colorati. Nella parte centrale ho lasciato spazio per le candeline del festeggiato.
Per completare il treno: stampare, ritagliare e accoppiare con nastro adesivo su alcuni stecchini da infilare nel rotolo le sagome dei personaggi preferiti dai bambini e... il treno è pronto per essere mangiato!!!!!

Che ne dite? Carina come idea?



venerdì 5 aprile 2019

idea riciclosa: i quadretti Primavera & Pasqua

E' da un sacco di tempo che non riesco a scrivere sul blog, non perchè non abbia ispirazione ma, come ho già detto, proprio per mancanza di tempo... sto seguendo diversi progetti che stanno per uscire in stampa, altri ancora sono in via di definizione, altri devono prendere ancora forma... nel frattempo ci sono i bimbi, la scuola, la casa, il corriere, la tipografia, gli appuntamenti...
Ma finalmente mi ritaglio un momento, mentre il piccolo dorme, per scrivere un nuovo post: è arrivata la primavera (anche se il meteo ora è un po' così-così) e si avvicina Pasqua... ecco in arrivo anche i nuovi quadretti fai da te a tema!!!


  • il primo è un simpatico animaletto, credo sia un procione, tipo quello di Candy Candy, con una coroncina di fiori di pesco... tenero...
  • sorridi è primavera! I fiori sbocciano, gli uccelli cinguettano... lo so, hanno cambiato l'ora e ci dobbiamo ancora riprendere... ma non dimentichiamo mai di sorridere alla vita!
  • Un augurio pasquale con due orecchie che spuntano sulla "E"
  • Come non potevo stampare questo musetto di leprotto... solo a guardarlo fa troppo Pasqua!!!
  • Due stivali da giardino si trasformano in vasi con fiori recisi variopinti
  • E per finire... il messaggio "Felice Primavera" con dei bellissimi fiori del mio colore preferito: il rosa.
P.S. Sono tutti tratti da Pinterest, se andate sul mio profilo nelle bacheche pasqua e frasi A4 li trovate tutti!!!!

Vi piacciono?



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...