martedì 10 febbraio 2015

diventare grande con i propri tempi

Prima di cominciare chiedo scusa a chi mi segue... in questi giorni sono stata un po' latitante nel blog per cause di forza maggiori (ricaduta influenza Tatino), per cui sono indietro su tutta la tabella di marcia: casa, lavoro, carnevale, san valentino ecc... ma oggi mi rimbocco le maniche e via!

foto www.lastampa.it
Dunque... non sono mai stata una mamma particolarmente apprensiva sui progressi o meno del mio bimbo perchè, avendo vissuto un processo di crescita anche io, penso che ognuno diventa grande ed acquisisce con i propri tempi.
Non tutti i bimbi sono uguali.
C'è chi aumenta di statura oggi, c'è chi lo farà domani.
C'è chi cammina prima, chi parla dopo o viceversa.
C'è chi acquisisce manualità subito, c'è chi non è proprio portato.
In più, ogni persona ha la propria attitudine, propensione, talento, voglia di conoscere verso alcune cose piuttosto che altre, ha un carattere SUO.
Ogni essere umano è diverso dall'altro.
Per cui, non venitemi a chiedere se anche mio figlio è cresciuto di peso quanto il vostro... il mio è il mio, il vostro è il vostro. Anche tra fratelli e sorelle si è diversi, figuriamoci in famiglie diverse, influscono 1.000.000 di fattori in più...

Essendo nata alla fine dell'anno (22 dicembre... fiuuuuu per un pelo non venivo al mondo a Natale) ho sperimentato sulla mia pelle che, chi è nato dopo, ha uno sviluppo diverso da uno di maggio o febbraio. Ecco qualche esempio:

- Statura -
Non sono mai stata una spilungona, anzi, sono il mio metro e sessanta scarso, ma alle medie ero un vero e proprio tappo.
Un mio insegnante aveva la fissazione di metterci in fila in ordine di altezza ed io ero l'unica femmina in mezzo ai maschi. Guardavo le mie compagne e pensavo: "Non diventerò mai alta come Lei". Poi, dopo anni, ri-incontro questa Lei e mi accorgo, con somma gioia :), che finalmente non ho più il torcicollo per parlarle e che non le arrivo più a mala pena alla spalla ma siamo ALTE UGUALI.

- Linguaggio -
Fino ai 5 anni non riuscivo a dire la "R". Prima di iniziare le elementari ho imparato a pronunciarla correttamente.

- Interessi -
Da piccola odiavo leggere, non mi piaceva proprio... e leggevo anche molto male.
Poi ho trovato sul mio cammino un insegnante che mi ha insegnato un trucchetto per leggere meglio (oltre che a leggere tanto) e così ho iniziato a leggere bene, a scrivere... e da lì non ho più smesso.

E questi sono solo alcuni dei tanti episodi della mia evoluzione.

Quindi, mamme, se vi dicono "Ah, mio figlio ha fatto così.... e il tuo?" oppure "Alla sua età deve saper fare questo"...non pesate troppo le parole, non sentitevi in colpa, non avete sbagliato voi qualche cosa... quello che deve avvenire un giorno succederà, che glielo mostriate voi o un'altra persona... oppure succederà e basta! Ogni cosa ha il suo tempo.

Ed evitiamo di fare paragoni tipo, io alla sua età ero alto così, facevo così, facevo cosà... forse è passato un po' di tempo... senza offesa, ma i tempi son cambiati pure da quando ero piccola io... non te ne sei accorto anche tu?
Perdonate lo sfogo ma sono stufa di sentire queste frignacce... e voi?

8 commenti:

  1. Come hai ragione... purtroppo i confronti su altezza, peso, numero di denti caduti, numero di scarpe, fioccano da qualsiasi parte. Per non parlare dei confronti sui "progressi" nella crescita.
    Sai che faccio io quando li sento? Me ne frego. Sono capace di vedere da sola se mio figlio è più basso degli altri e quello che sa fare o non sa fare.
    Lascia perdere e fatteli scivolare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il supporto morale Deborah! I denti caduti in effetti mi mancano all'appello... per noi è ancora presto per quella fase!!! :) Un abbraccio Eli

      Elimina
  2. Non ho mai prestato importanza alla gente non so perchè è proprio del mio carattere oppure perchè dopo ben 30 anni dietro un bancone i discorsi mi scivolano via, fatto sta che me ne frego!!!!! ;-)))
    Per il discorso bimbi ancora di più!!!! Posso portare la mia esperienza, quello che erano o meno a quella certa età posso anche confrontarli così, per dire due cavolate ma non mi toccano minimamente i progressi fatti o non fatti......... E vivo alla grande!!! ;-)))))
    Kisssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto Betta!Va bene ascoltare tutti ma anche vivere e lasciare vivere!!!!
      Kiss anche a te, Eli

      Elimina
  3. Quando sento profumo di mamma che vuol fare "a bambinate" fuggo!
    Non le tollero...
    Baciuzz <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah!!! Troppo forte Fabiola!!!! Baciuzz anche a te!

      Elimina
  4. Ricordo ancora quando la mia bimba a 16 mesi non parlava e non camminava. Le persone mi chiedevano "Cammina?" e io serafica rispondevo No, quindi continuavano "Ma allora parla?" E io serafica rispondevo sempre No. "Ma come? Non sei preoccupata?" E io sempre tranquilla rispondevo No. Che poca soddisfazione davo a queste persone. Ovviamente mia figlia cammina e ...non sta mai zitta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre così!!! La storia non insegna nulla a queste persone e, ad ogni generazione, ritornano inesorabili con i loro ragionamenti e sproliqui... Brava tu che riesci ad essere serafica... io, in un primo tempo, rimango come pietrificata... meglio, perchè se parlassi me le sbranerei 'ste donne!!! Un abbraccio, Eli

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...