martedì 18 ottobre 2016

come togliere il ciuccio

foto da web


Se una volta il ciuccio era l'oggetto magico che non si doveva assolutamente smarrire, viene anche il momento in cui bisogna abbandonarlo: come?
Di storie su come togliere il ciuccio al proprio bimbo, in fase di crescita, ne ho sentite tante...

  • chi lo ha "dimenticato" a casa prima di partire per le vacanze...

  • chi lo ha nascosto fingendolo perduto

  • chi lo ha "avvelenato" con un sapore orribile

  • chi lo ha ceduto alla mamma gatta perché i suoi micetti piangevano (o a qualsiasi altro animale con cuccioli)

  • chi lo ha lasciato alla fatina dei ciucci in cambio di un gioco (non bastava la fatina dei denti?)


Nella nostra esperienza, non abbiamo usato nessuno di questi trucchi.
Durante l'anno di nido abbiamo iniziato a dare il ciuccio a Tatino solo per dormire (pisolino e sera).
Pian piano sono cresciuti i denti e il ciuccio veniva mordicchiato costantemente.
E cambia una volta, e cambia due e cambia tre... alla fine il ciuccio si è rotto e non si compra più!
Tatino, provando quello vecchio mi ha semplicemente detto: "Mamma il ciuccio non ciuccia più", chiaro il concetto, no?
E da lì, l'abbiamo conservato in una scatolina come ricordo.

Ogni bambino è comunque a sé, reagisce in maniera diversa... e ognuno sperimenta la tecnica che meglio si adattano alla propria famiglia senza creare traumi.

Voi come avete fatto?
Raccontate il vostro aneddoto!

6 commenti:

  1. mia figlia oramai è grande (10) ma il ciuccio l'ha tenuto fino a tardi, in effetti. Dai 2-3 anni abbiamo iniziato a darlo solo per l'addormentamento (il momento in cui si addormentava, poi se non lo sputava glielo levavo io). Sui 3 anni e mezzo ha deciso da sola che a 4 anni lo avrebbe buttato via, e infatti il giorno del 4 compleanno l'ha preso e l'ha buttato nella pattumiera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Trasparelena! I bambini sanno sempre con stupirci! Non sei la prima che mi racconta una cosa così... il giorno prima guai a chi tocca il ciuccio, il giorno dopo il ciuccio lo buttano e non ci pensano più!!!! Non ci sono sfumature, vai decisa così!!!
      ...da una parte anche meglio, piacerebbe anche a me essere così determinata!!!
      Un abbraccio Eli

      Elimina
  2. Mi piace questo argomento....... ^__^
    Mentre Noemi non l'ha MAI voluto (anzi riusciva a fare getti olimpici!), Gabriele invece si! Dal momento che lavorando in un bar anch'io ho sentito le versioni più folli, solo quando era particolarmente stanco o per dormire glielo davo, per poi toglierlo una volta addormentato.
    Così facendo non era un vero e proprio 'vizio' ma più una coccola.....
    Mi sembrava quasi di mettergli un 'tappo' proprio per non sentirlo e 'perdere tempo' ad ascoltarlo....... NON ESISTE!!
    L'estate dei 3 anni gli ho detto che ormai era grande e che di lì a poco sarebbe andato a 'scuola' quindi era giunto il momento di buttarlo!
    Come sempre mi ha sorpreso.
    Lo prende e lo butta nel cestino. Basta. Finito.
    Gli faccio un sacco di complimenti, che è stato bravo, che si merita un premio, ecc intanto 'salvo' il ciuccio, lo sterilizzo e lo nascondo. Per la serie 'rompere il vetro in caso di..... pianto!!!'
    Ancora una volta mi chiede il cuccio per dormire ma.... "Amore di mamma, l'hai buttato, non c'è più!!"
    Mi guarda un attimo smarrito, prova a cercarlo, piagnucola 2 minuti e..... STOP. Nel giro di 3 giorni il ciuccio è stato completamente dimenticato!!!
    Lui è così..... Riesce sempre a stupirmi e ogni volta di più!!!
    E' stata fortuna?? E' stato il 'metodo' che ho usato?? E' stato il suo carattere?? Non lo so, ma questo è quanto ci è successo.
    Comunque sia, chi avesse bisogno =D, all'interno di Oltremare a Riccione hanno costruito un albero con tutti i ciucci lasciati dai bambini!!!
    Buona giornata e tanti........
    Kissssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma!!!!!!!!!!!!!!
      Scusa!!! Ho scritto un poema!!!! ^__^
      Kissssssssssssssssss

      Elimina
    2. Grazie Betta! Un altro ragazzino bello deciso, eh!
      Beh, dai, meglio così! Alle volte siamo più noi mamme ad avere il timore che non ce la faranno, invece loro ci fregano sempre e ci dimostrano una sicurezza pazzesca!
      C'è da dire anche che sei stata brava anche tu a non cedere in tentazione alla domanda tranello... hai giocato bene il tuo jolly!!!!
      Un albero dei Ciucci???? Non avrei mai il coraggio di metterlo lì... una volta fatto sparire, lo tengo come ricordo!!!! Per la serie "non si butta via niente"!!!!
      Un abbraccio grande e grazie del tuo racconto: non è mai troppo lungo quello che scrivi ed è un piacere leggerlo!!!! :***

      Elimina
  3. Ecco, nel nostro caso è stata una decisione del ricciolino (che d'altra parte, testardo come è, decide tutto lui!), al pari dell'abbandono del pannolino.
    Io lo avevo solo avvertito da tempo che, per legge (ovviamente la MIA legge), ai bimbi che vanno alla materna non si possno vendere ciucci. Dunque, quando quelli che aveva si fossero rotti, non avremmo piu' potuto ricomprarli. Come ha deciso lui di dire addio al ciuccio l'ho raccontato qui: http://mammavvocato.blogspot.it/2014/10/senza-ciuccio-no-non-e-che-si-stia-bene.html Il seguito di quel post è che i disturbi "post abbandono ciuccio" sono durati circa cinque giorni, poi è sparito tutto.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...